Fatto per durare, tramandato di generazione in generazione, regolarmente ristrutturato e riutilizzato il gioiello è, forse, il lusso originale riciclabile. Dai modelli romani di “rinascita archeologica” del XIX secolo con monete, cammei o intagli agli spettacolari gioielli Egittomania degli anni ’20 di Cartier incentrati su scarabei e amuleti in maiolica, la storia ha a lungo gettato il suo incantesimo.

Ma con il riciclaggio e il riutilizzo, in cima all’agenda sociale e culturale di oggi, non sorprende che i designer contemporanei stiano incorporando elementi più antichi o antichi nelle loro creazioni. Al timone del gioielliere d’arte tedesco Hemmerle, Christian Hemmerle e sua moglie Yasmin setacciano il mondo alla ricerca di elementi storici per amplificare l’inconfondibile modernità grafica iniziata dal padre di Christian, Stefan, negli anni ’90. Rimodellano elementi così vari come i micro mosaici romani e le monete di ceramica cinesi e incastonano cammei con ritratto del XVIII e XIX secolo in orecchini o pendenti con nappe.

Il loro progetto Revived Treasures, nel frattempo, presenta antichi frammenti di maiolica (chiamata anche pasta egiziana, la più antica ceramica smaltata conosciuta) sotto forma di fiori di loto, scarabei e amuleti volanti che si riferiscono alle radici egiziane di Yasmin. “Adoro dare ai manufatti storici una nuova vita, una nuova casa”, dice Christian. “Si tratta di vedere la bellezza in cose che gli altri non vedono.” G By Glenn Spiro 18ct-oro bianco, diamanti, zaffiri e anello con corno di toro in lapislazzuli del III-II millennio a.C., POA Glenn Spiro incorpora nei suoi pezzi resti minerali della Battriana (dell’Asia centrale) del III e II millennio a.C., come un frammento di lapislazzuli a forma di testa di toro incastonata in un anello di diamanti e zaffiri. Rimodella anche gioielli antichi; particolarmente accattivante è una collana di corniola mesopotamica del I millennio a.C. intervallata da rubini birmani. Hemmerle collana in oro bianco, smeraldo, zaffiro, bronzo, perle di agata e faence egizia antica, POA Courtesy of Hemmerle Monete greche e romane, sculture in legno pietrificato, amuleti in pietra e piccoli bronzi medievali sono sempre stati una caratteristica del lavoro di Elizabeth Gage. “Vedo i gioielli come un modo per rendere la storia indossabile”, dice Gage, che fa rivivere questi manufatti in ricche montature d’oro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: