L’11 ottobre è ampiamente riconosciuto come la Giornata dei popoli indigeni. Una festa pensata per onorare e sensibilizzare le comunità indigene, la Giornata dei popoli indigeni è un ottimo promemoria per sostenere i nativi che vivono, lavorano e creano in tutto il Nord America. Per celebrare la festa, abbiamo raccolto alcuni rivenditori nativi che puoi sostenere, dai produttori di mocassini ai marchi di bellezza. Questi creatori e curatori celebrano e preservano la lunga storia di creatività e cultura dei popoli indigeni, e puoi acquistarli tutti adesso. Affronta in anticipo il tuo shopping natalizio con offerte e consigli degli esperti direttamente sul tuo telefono.

Un’azienda di proprietà dei Piedi Neri che lavora per alleviare la povertà nelle comunità native, TP Mocs impiega i nativi americani per realizzare a mano tutti i suoi adorabili e resistenti mocassini per bambini. Una parte del ricavato di tutte le vendite è destinata all’acquisto di beni di prima necessità per i bambini svantaggiati che vivono nelle riserve. Un marchio di moda e rivenditore di proprietà degli indigeni, B.Yellowtail è un negozio unico per uno stile indigeno interessante e sorprendente. Offre di tutto, dagli orecchini alle giacche, dalle camicie da uomo alle magliette ricamate. Personalmente ci siamo innamorati degli orecchini a forma di porcospino che fanno , che sono decorati con perline dorate e sono un accessorio assolutamente incantevole.

Un altro marchio di bellezza indigeno dell’Ontario, Canada, Cheekbone Beauty è stato lanciato nel 2016 e si è guadagnato una reputazione per la creazione di prodotti di alta qualità e cruelty-free come matite per occhi e rossetti liquidi. Con le sue radici Anishinaabe in mente, la fondatrice Jenn Harper ha anche lanciato una linea di rossetti a basso consumo nel 2020 e sta puntando a rendere il marchio a zero rifiuti entro il 2023.

Ed infine vediamo due marche indigene 2021: Cioccolato Bedré…Un cioccolatiere dell’Oklahoma acquistato dalla Nazione Chickasaw nel 2000, Bedré Chocolate è un marchio di lusso riconosciuto a livello nazionale che usa ricette che, secondo la compagnia, “riflettono l’antica tradizione dei popoli nativi americani che per primi coltivarono questa divina delicatezza”. L’azienda vende di tutto, dalle barrette di cioccolato ai Bugles ricoperti di cioccolato bianco, quindi una delle scatole regalo di Bedré potrebbe essere un buon punto di partenza. Ed infine un marchio di caffè di proprietà Ojibwe fuori dal Canada che mira ad ottenere acqua potabile pulita in ogni casa indigena del paese, Birch Bark Coffee vende sei diversi caffè biologici e del commercio equo, compresa un’opzione decaffeinata. L’azienda vende anche esclusivamente caffè certificato SPP, il che significa che è stato coltivato e prodotto da agricoltori che sono discendenti indigeni.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: